La magnifica storia e le caratteristiche del vetro di Murano - Carnevale di Venezia

Carnevale di Venezia 2020

Dal 08 Febbraio Al 25 Febbraio

La magnifica storia e le caratteristiche del vetro di Murano

Giu 7, 2016 by

Vetro di MuranoTutti voi avrete sicuramente sentito parlare almeno una volta del magnifico vetro dell’isola di Murano. Le grandiose creazioni dei maestri vetrai di quest’isola sono una tradizione che si tramanda da secoli e sono ormai famose in tutto il mondo, costituendo, quindi, una tappa obbligata nel vostro soggiorno a Venezia, magari proprio in occasione del famoso carnevale.

La storia del vetro di Murano

Il vetro è da sempre stato uno dei materiali che ha accompagnato tutta la storia della città di Venezia. Il più antico documento riguardante il vetro è un atto di donazione del 982, quindi l’arte vetraia veneziana ha più di 1000 anni!

A partire dal XIII secolo iniziò il predominio degli artigiani dell’isola di Murano che sorpassarono in prestigio ogni altro vetraio veneziano. Ciò lo si deve al fatto che la maggior parte delle vetrerie si concentrarono su quest’isola, al punto che, nel 1291 venne inviato l’ordine di distruggere le altre aziende del vetro costituite a Venezia in modo da ricondurre l’origine storica di questa arte all’isola di Murano e prevenire gli incendi negli edifici della città (Murano è situato fuori dal centro cittadino). La maggior parte delle fabbriche sorse nel famoso rio dei Vetrai.

L’operato del maestro vetrario: la distinzione del vetro di Murano

Vetro di MuranoLe vetrerie sull’isola di Murano hanno da sempre importato tutti i materiali occorrenti per la realizzazione del vetro a differenze delle altre vetrerie che sorgevano sempre accanto ai luoghi di produzione delle materie prime. Il silicio vetrificante, la soda fondente ed il legno combustibile venivano importati principalmente dall’Istria e dalla Dalmazia.

La parte fondamentale nella realizzazione di queste splendide opere è da sempre, però, costituita dall’abilità dei maestri vetrai che, per la loro bravura, sono sempre stati richiesti dai più grandi personaggi della storia.

A Murano nell’epoca rinascimentale è stata anche creata una scuola per formare i giovani vetrai. Nel Rinascimento, inoltre, si crearono dei conflitti tra le varie vetrerie: tutti cercavano di rubare le tecniche di realizzazione dei più grandi maestri. Inoltre, la Repubblica di Venezia creò dei riconoscimenti per i più importanti artigiani che avevano una durata temporale, alla scadenza della quale le tecniche di lavorazione erano messe a disposizione di tutte le vetrerie.

Fino ai giorni nostri, la lavorazione del vetro di Murano ha seguito i cambiamenti artistici dei secoli adattandosi di volta in volta alla moda dell’epoca.

Le 3 fasi della lavorazione del vetro di Murano

La lavorazione del vetro di Murano si divide in tre fasi:
1. Preparazione del colore: dosando i vari ingredienti (sabbia silicea e ossido metallico) in maniera diversa si ottiene il colore desiderato per l’oggetto in vetro;
2. lavorazione del vetro: il mastro vetraio insieme ad alcuni aiutanti dà la forma desiderata all’oggetto sia lavorando il composto a mano che soffiandovi attraverso con la bocca;
3. tempera dell’oggetto finito: subito dopo avergli dato la forma, bisogna inserire l’oggetto, ancora molto caldo, nella tempera per raffreddarlo lentamente.

Il museo del Vetro di Murano

Sull’isola di Murano, all’interno del luogo in cui era conservato l’antico archivio, a metà Ottocento venne istituito il museo del Vetro. Accanto a cui, come detto in precedenza, nel 1862 sorse una scuola per formare i giovani vetrai (ad opera dell’abate Zanetti).
Oggi, in questo museo, sono presenti i manufatti più importanti e significativi della storia del vetro di Murano.

Alcuni termini curiosi riguardanti la lavorazione del vetro di Murano

Vediamo, ora, alcuni termini curiosi riguardanti l’arte della lavorazione del vetro di Murano e il mestiere del mastro vetraio:
Bardella, asta di legno legata ad una coscia del vetraio per reggere l’oggetto durante la lavorazione;
Manaretta o maneretta, utensile simile ad un pettine per decorare gli oggetti in vetro;
Scanno o scagno, sgabello su cui si siede il mastro vetraio;
Stizador, addetto al forno e alla ricottura.

Il marchio Vetro Artistico Murano

MuranoOggi, è stato creato un marchio registrato chiamato Vetro Artistico Murano che contraddistingue gli oggetti in vetro realizzati nell’isola di Murano. Il bollino presente sui vari manufatti può essere rosso o blu a seconda della lavorazione ed accanto vi è l’identificativo dell’azienda produttrice.

Il vetro di Murano: un’antica tradizione veneziana

Ora che avete molte informazioni sulla famosa lavorazione del vetro di Murano, non vi resta che recarvi a visitare l’isola nel vostro prossimo viaggio a Venezia, magari proprio in occasione del carnevale. Un oggetto realizzato in questo splendido vetro, sarà sicuramente un regalo molto gradito!

The following two tabs change content below.
Sono una giovane ragazza di Milano. Attualmente sto lavorando e studiando nell'ambito informatico. Una delle mie più grandi passioni è viaggiare, infatti gestisco il blog Viaggiando A Testa Alta (http://viaggiandoatestaalta.it) in cui racconto le mie avventure. Adoro visitare nuovi paesi e scoprire le culture locali. #LastCallForWhereverYouWant

Ultimi post di Cassandra Testa (vedi tutti)

Condividi sui Social Network

Lascia un Commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Maschera Carnevale di Venezia Maschera Carnevale di Venezia
x

Informativa sui cookie

Questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella cookie policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la cookie policy.
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all’uso dei cookie.